martedì 8 luglio 2014

Si, no, forse...ma diciamo anche The End!!!

Articolo de: Il Drugo
 
Prima o poi ci si arriva...e insomma, gli Ignoranti chiudono.
Poco da dire e inutile girarci ancora in torno...ci sono stati tempi in cui si veniva qui a discutere di tante cose e poi man mano, l'oblio. Ma non la voglio mettere ne sul sentimentale ne sulle lacrime (...stardi). Solo avvertire chi magari ci segue dall'inizio dei tre anni di fondazione, che alla fine del mese, il blog sarà fatto fuori...chiudiamo le danze con onore :) e se ripenso a quel lontano 2011 in cui partiva il tutto, non posso che essere contento per come sono andate le varie cose e le amicizie e le risate che mi/ci siamo fatti grazie a questo spazio.

Ringrazio tutti quelli che sono passati dalle nostre parti, sia i lettori che tutta la gentaglia assortita che si è messa a sparare cazzate su questo spazio!!!

mercoledì 25 giugno 2014

Blazkowicz contro tutti!!!

Articolo de: Deimos

Ho terminato il nuovo capitolo della serie Wolfenstein da poco più di due orette, con questo nuovo episodio che mi ha lasciato davvero molto soddisfatto e pensare che alla sua uscita non gli avrei dato due lire - difatti ho speso i miei soldi al day one per Watch Dogs che al di la delle prime belle sensazioni descritte QUI alla fine mi ha deluso nella maniera più totale (ma ci ritorno sopra). 

La prima bella qualità che mi ha colpito davvero tanto di Wolfenstein è la trama, che a pensarci bene, era da un sacco di tempo che un FPS non mi appassionava in questa maniera. Mentre invece il gameplay devo ammettere che non è stato nulla di super appassionante, essendo ne più ne meno il solito spara spara cutscene, spara spara cutscene. Che poi non è vero del tutto dato che ci si trova per le mani pure qualche sezione stealth che riesce a strappare mezzo giudizio positivo - diciamo che hanno copiato abbastanza bene da un Dishonored a caso, senza grande esaltazione. In ultimo, plauso a metà per la realizzazione tecnica che almeno sulla 360° non è che mi abbia fatto impazzire (purtroppo non ho potuto vedere la versione PC - 44GB di Download erano davvero troppi per la mia linea) con troppi bassi (le texture e gran parte dei modelli) e pochi alti come ad esempio le cutscene dove si denota una qualità visiva differente dal giocato - cosa assurda dato che sono fatte con il medesimo motore grafico e non in CGI). Forse un minimo di lavoro in più avrebbe potuto giovare all'estetica.


Comunque nulla, alla fine gioco assai godevole e frenetico che mi fa ben sperare per il suo eventuale seguito perchè se questa è la voglia di fare FPS per i Machine Games, allora ben venga il sequel :) o almeno un altro prodotto di tale calibro.

giovedì 12 giugno 2014

Le indagini paranormali di Ronan

Articolo de: Deimos

Fin dal suo primissimo trailer, Murder Soul Suspect ha suscitato in me un grande interesse dato che si tratta di un gioco che si compone di molti elementi che amo alla follia. Il paranormale, le indagini oltre la morte e lo stile marcatamente Noir mi hanno fatto apprezzare fin da subito questa nuova IP targata Square Enix. Al day one dell'uscita nei negozi ero dunque pronto a ricevere la mia copia e immergermi in quello che poi si è rivelato un buon gioco, ma non il capolavoro che magari mi sarei aspettato - che è anche difficile ora come ora, nel 2014, far uscire una nuova IP e gridare al miracolo.


MSS è un gioco che ha due grossi difetti, è tremendamente facile e breve (l'ho terminato in sei orette scarse). Si tratta di un titolo che prima di tutto non ha fasi d'azione o combattimento anzi, le uniche sequenze in cui ci si deve difendere da alcuni demoni (sempre gli stessi dall'inizio alla fine), sono fin troppo lineari e pallose per essere apprezzate davvero. In secondo luogo, il gioco è davvero tremendamente troppo facile dato che si tratta di andare in giro per la città di Salem (MSS è un semi open world) a trovare indizi per le varie fasi della storia, ma questi indizi saranno sempre di facile lettura e difficilmente rimarrete bloccati. Oltre a questo gameplay molto semplicistico, il gioco è pieno di collezionabili da cercare per la mappa che ricamano in maniera più costruttiva non solo gli eventi della storia principale, ma anche quelli delle trame secondarie sparse nei luoghi della città.



Arrivati fin qui, potreste intuire che MSS non mi sia piaciuto tantissimo e invece è l'esatto contrario.
Il gioco vince bene sia per quanto riguarda la storia, che si lascia godere più che degnamente dall'inzio alla fine, che per le ambientazioni generali, ricostruite in maniera certosina e abbastanza varie. Altro punto forte della produzione sono gli elementi di contorno al fatto che "siamo morti": Ronan ad esempio può attraversare le pareti alla ricerca di numerosi collezionabili, può aiutare altri fantasmi sparsi per il mondo di gioco e può, in alcune sezioni, prendere possesso di un gatto con cui arrivare in luoghi altrimenti irraggiungibili. Il tutto, giocato sempre in maniera pacata, ma pur sempre interessante. In ultimo, menziono sia la grafica che la localizzazione in italiano: la prima (realizzata con l'UE3) è abbastanza godibile sia negli effetti di luce, speciali e nella modellazione poligonale + texture, ma non vi lascerà con la mascella per terra. Le voci in italiano, all'inizio mi sono sembrate poco profonde per l'atmosfera e invece, man mano che giocavo, sono riuscito a farmele andare a genio a parte quelle di qualche comprimario non proprio azzeccate.

MSS non è dunque il capolavoro che ci si poteva aspettare, ma è una nuova IP (chissà se ne faranno un seguito - io ci spero) abbastanza coraggiosa seppur non troppo elaborata, dalla grande atmosfera e composta da una storia più che apprezzabile. Peccato che il gioco non duri un "chezzo".

domenica 8 giugno 2014

iTOUCH sfrenato su POOL BREAK PRO

Articolo de: Jokkey

Non sono mai stato un grande fan dei giochi su Mobile, vuoi perchè non ho un dispositivo avanzatissimo - quindi mi devo accontentare dei giochi casual per i sottocerebrati - vuoi perchè sono più incline a vedere il gioco su Console o PC che non nel telefonino. Da qualche giorno però sono caduto nel fascino di un gioco che non pretende il super cellulare alla moda dell'ultimo grido: si tratta di un gioco di Biliardo, sport che amo abbastanza tanto. Il gioco si chiama POOL BREAK PRO e si trova in versione gratuita sullo store, sbloccabile successivamente come completo al costo di 1,22 Euro, na cazzata.


Tre le cose che mi hanno colpito subito in questo gioco:
1) La fisica delle palline è molto realistica, non si tratta di un gioco troppo tecnico ma neanche di un titolo usa e getta. Bisogna calibrare bene la potenza della stecca e i risultati alle volte sono davvero sorprendenti e precisi al millimetro.
2) La realizzazione estetica del gioco.
3) Le modalità di gioco sono tantissime: abbiamo la scelta del Biliardo Palla 8, Palla 8 UK, Palla 9, 10, Biliardo a 3 Palle, 6, 7, Una buca, Rotation Pool, Traiettoria e tantissime altre modalità che un amante di questo sport proverà tutte quasi fino allo sfinimento. Vari tipi di tavolo e infine la possibilità di giocare in due sullo stesso dispositivo, partita contro il computer, contro un giocatore in rete e via social network!!!



Insomma, un gran bel prodottino da non lasciarsi scappare.
VOTO: 9,5

martedì 3 giugno 2014

iTOUCH sfrenato su PABLO CAVAREZ!!!

Articolo de: Giggio

Ooooh che bello, ogni tanto capita di giocare ad un titoletto che oltre ad essere davvero bello è anche ITALIANO. Già perchè al di la del nome meccicano, Pablo Cavarez è un gioco progettato dalla italianissima Bloody Monkey. E non è tutto, dato che ci si ritrova per le mani un giochetto molto colorato, divertente e intelligente, che riprende il format del gioco del 15!!! In pratica, ci viene presentato un percorso a caselle, disposto in maniera scomposta che dovremo ricomporre con il ditino, facendo fare al cicciotello Pablo il giusto percorso. Un'idea tutto sommato molto originale che si va a mescolare ben bene con una freschezza dell'immagine stile cartoon e con una realizzazione generale davvero di ottima fattura. 


Senza contare poi che si tratta di un giochetto da scaricare in via del tutto gratuita sia su Google Play che Mela Store: con un mondo da giocare a gratise e i restanti da sbloccare con appena 0,89 Centesimi, per un totale di 48 livelli sempre più complessi. Provatelo e fateci un pensiero che non ve ne pentirete.
VOTO:8

mercoledì 28 maggio 2014

Watch Dogs, commenti a caldo dopo il primo atto!!!

Articolo de: Deimos

Potrei iniziare questo mio post col dire che non sono stato fan di Watch Dogs - vedere scimmia - fin dal suo primo trailer oppure che il gameplay dietro al gioco non mi ha fatto gridare al miracolo, reputandolo una oscena copia di GTA, ma mentirei a me stesso. Dico invece senza peli sulla lingua che WD mi ha entusiasmato e hyppato fin da subito per poi scemare con gli annunci e trailer degli ultimi sei mesi. Eppure, nelle ultime 24h la scimmia è risalita potente in me, tanto da farmelo andare a comprare al day one, ovvero, ieri. Che se la scimmia dentro è cattiva e fa sganciare soldi per questi "giochini" è anche vero che WD è un prodotto che tutto mi aspettavo tranne il fatto che fosse davvero cosi coinvolgente. Parlo pure con la cognizione che le ultime produzioni open world di Ubisoft (leggere Assassin's Creed) non mi hanno fatto saltare la testa dall'emozione.

In ultimo, non prendete ste due righe come una recensione del gioco, ma solo un commento più dinamico e a caldo dei punti positivi e negativi che mi hanno interessato maggiormente dopo aver finito il primo atto (dei cinque richiesti per portare a termine la campagna principale) e aver cazzeggiato per la città, facendo una decina di missioni secondarie. E tagliando la testa al toro, il tutto è molto vario e divertente con decine di cose da scoprire e con cui interagire.


Cose che per ora mi hanno fatto davvero piacere:
1) La trama in primis è ben raccontata, si basa su di una vendetta del protagonista quindi potrebbe essere una delle cose più banali al mondo, ma qui è ben sceneggiata, merito sopratutto di alcuni comprimari davvero eccellenti e dei dialoghi abbastanza maturi. 
2) Il gameplay è ne più ne meno preso di peso dalla serie di GTA (salvo rarissime occasioni) con la componente hacking che il più delle volte si traduce in un spingi il tasto e fai succedere qualcosa. Qui in verità ho storto il naso perchè mi aspettavo un hacking più macchinoso, ma mi rendo anche conto che se si sta scappando dalla polizia, sarebbe stato oltremodo PALLOSO dover hackerare ogni semaforo - azione in pausa - con un minigioco a tema. Detto questo, ci sono sezioni più stealth dove è possibile hackerare degnamente alcuni sistemi informatici e quindi goduria.
3) Torna lo stealth che piace a me, quello pacato che a livelli più difficili costa la vita in pochi secondi se sbagliamo qualche azione. Perchè se è vero che l'IA dei nemici pare abbastanza stupida, è anche vero che se vi sgamano, con due colpi di pistola, finite ai vermi.
4) La città di notte è decisamente più spettacolare dalla città di giorno.
Parlo a livello grafico che sembrano quasi due città differenti...si vede che sono stati più ispirati dal notturno.
5) Spiare i passanti con il cellulare è divertente e apre la strada a qualche sottogioco davvero memorabile.
6) In giro per la città ci sono sezioni dedicate a dei giochi secondari assolutamente folli e incredibilmente creativi (quasi indie), che mi hanno fatto lasciare di peso la campagna principale per provare tutte queste realtà alternative, alcune delle quali indirizzate sullo stealth puro.   


Cose che invece anche no dai:
1) Il sistema di guida è osceno: stile arcade puro che può essere un bene come anche un male, ma mi sarei aspettato un modello di guida un pelo meno sempliciotto e più simulativo - e questa è una delle cose che non hanno "copiato" dalla serie GTA, purtroppo. 
2) I danni delle vetture sono anch'essi osceni. Voglio dire, capisco che in un inseguimento d'auto non si possa perdere una gomma con due sportellate, ma capisco pure che vedere due macchine che in un frontale rimbalzano tipo gommosa - in un gioco che dovrebbe essere realistico - senza subire gravi danni, è davvero orrendo.
3) La grafica tutta non è all'altezza delle aspettative, ma qui ho da fare due intersezioni. 
Per mia scelta ho comprato il gioco sulla 360°, ma ho potuto vedere lo stesso anche su PC al massimo dettaglio. La differenza di cui si parla è altissima, ovviamente. Però va detto che al pari di un gioco come GTA5 che quasi gridava al miracolo sulle vecchie console, Ubisoft pare aver fatto il semplice compitino per Xbox 360° e PS3!!! Al di la di texture in risoluzione scabrosa, tutto il comparto tecnico della città riesce a far storcere il naso. Senza contare l'enorme gap (come scritto sopra) fra il giorno e la notte che rendono la Chicago in notturna una vera gioia per gli occhi.

Dite la verità, vi ho fatto venire la scimmia di andarvelo a comprare oppure no?

venerdì 23 maggio 2014

Max The Curse of Brotherhood (PC)

Articolo de: Deimos

In una Galassia lontana lontana, quando ancora non era stato sdoganato l'uso del PC casalingo e della console da gioco, il cinno che era in me, andava al baretto sotto casa a spendersi decine di mila Lire nei platform della sala giochi: vecchi cabinati che facevano girare dei capolavori 2D a scorrimento da perderci le ore. Oggi, dopo innumerevoli anni, panza e mal di schiena, sembra che la moda del 2D o del 2,5D sia tornata alla ribalta con giochi di tutto rispetto che alle volte - perchè no - hanno dalla loro idee più fresche dei titoli tripla A!!!

Max The Curse of Brotherhood è uno di questi, disponibile sia per PC (versione testata) che per Xbox ONE, via digitale. MTCoB mi ha dato parecchio divertimento grazie ad una base di gameplay semplice e di una grafica colorata e fresca, realizzata più che ottimamente nel suo stile cartoon non troppo originale, ma dal sicuro impatto visivo. Il gameplay è il solito dei giochi a scorrimento dove si può andare avanti, indietro e saltare, si spostano degli oggetti e poco altro. La particolarità del gioco risiede in un pennarello magico che ha la capacita di creare oggetti o modificare l'ambiente circostante: si può modellare il terreno per creare delle colonne di pietra e poi distruggerle, far crescere delle liane su cui camminare e altre robine divertenti, forse un filo semplici, ma mai banali. Perchè alla fin fine c'è da dire che MTCoB è un puzzle game abbastanza semplice che non vi porterà via più di un mezzo pomeriggio per vederne i titoli di coda. A contorno, troviamo una grafica 2,5D molto riuscita e colorata e una storia fiabesca che strizza tenerezza da tutte le parti. Io ve lo consiglio caldamente.
VOTO: 8



mercoledì 21 maggio 2014

Ingordigia di GB per la next generation!!!

Articolo de: Jokkey

Sono amareggiato e turbato dalla nuova next generation e dai sui numeri per quanto riguarda la grandezza dei giochi. Un tempo - tralasciando il preistorico - un gioco che raggiungeva gli 8GB era già qualcosa di immenso e spesso si parlava più di giochi dalle similitudini degli open world che non giochi più classici come gli fps o quelli di macchine che non superavano i 4GB di spazio richiesto su HD.

Dopodichè si è passati a trovare sul mercato giochi che andavano verso i 15GB spesso con una grafica più curata dietro. Senza contari i MMO che spingono sempre su spazi di HD sui 20GB e più, ma stiamo parlando di prodotti davvero molto grandi: esempio, tutt'ora World of Warcraft vanta qualcosa come 30GB di installazione. Detto questo, ieri stavo ponderando sul comprare Wolfenstein o meno e sono rimasto letteralmente senza parole nello scoprire che il gioco occupa la bellezza di 44GB!!! QUARANTAQUATTROGIGABYTE. Onestamente mi fa paura a dirlo se poi nella stessa frase aggiungo che non si tratta manco di un free roming, ma di un semplice FPS!!! Per dirla tutta e per fare un confronto, Watch Dogs in uscita fra una settimana occuperà 25GB su PC e 21GB su Console...Wolfenstein 44GB!!! Adesso, la next gen con il graficozzo può anche far sgranare gli occhi e sbavare parecchie mascelle dei consolari di merda che si arrapano con queste cose, ma di certo molti programmatori mi sa che non hanno imparato praticamente nulla dalla precedente generazione. Ma proprio nulla.

Vi lascio con il bel pensiero di questo utente su Steam, che abitando in Australia si lamenta che ci metterà due giorni per scaricare il gioco. Che cazzo ti lamenti, qui in Italia, ce ne metto quasi una decina con la mia linea.

venerdì 9 maggio 2014

iTOUCH sfrenato su MINIGORE 2

Articolo de: Deimos

Splatter come se piovesse, Zombie e creature strane da falcidiare e tanta, ma tanta pacioccosità: questo è MINIGORE 2, un giochetto "casual" per mobile che mi ha fagocitato per qualche giorno sul mio fiammante Nexus 5!!!

Minigore 2 è un giochetto semplicissimo, quasi banale, ma non per questo noioso, anzi. Ci sono tanti Zombie e creature varie da ammazzare, falcidiare, spappolare, far esplodere e disintegrare. Ci sono un sacco, ma proprio un sacco di armi da sbloccare o comprare con la moneta che si guadagna durante i lunghissimi massacri di varia natura e ci sono sette scenari diversi ove portare morte e distruzione. Con una giocabilità - leggasi anche controlli touch abbastanza perfetti - ben pensata e quella giusta spruzzatina da DROGA che non fa mai male a titoletti del genere. Perchè si, Minigore 2 è un titoletto leggero, quasi banale, ma che diverte tanto tanto. E poi, volete mettere tutto il sangue che spruzza a schermo?
VOTO: 8

lunedì 5 maggio 2014

Ether One che stramegafottutocapolavoro!!!

Articolo de: Jokkey

Ci sono pochissimi giochi che entrano di prepotenza nella mia lista dei super Top di sempre - anche considerando che gli anni vanno avanti e che di giochi belli ce ne sono sempre meno, nel mare di merda che ogni anno ci seppellisce sempre di più. Fra gli indie, spunta fuori, per fortuna, sempre qualcosa di bello, ma da mettere nella mia Top poche volte. A parte che a questo giro ne ho trovato uno davvero bello, onirico, surreale e che mi ha folgorato. Si chiama Ether One, è un gioco di avventura con gli enigmi - di quelli tosti fra l'altro, di quelli che nessuno ti dice o ti spiega nulla. Di quelli che se non ci riesci sei idiota, poco altro da dire. Di quelli che se ci riesci, ti riempie tutto il corpicino di gioia nello scoprire l'enigma successivo. Di quelli che quando arrivi alla fine del gioco devi rimuginarci per qualche tempo. Di quelli che una volta che ci hai rimuginato, lo prendi e lo fai partire da capo anche se la sorpresa è scemata, ma che rimane una meraviglia notevole. Ether One è questo: meraviglia notevole.